2001/2002= 3

 

 

 

COMITATO PROVINCIALE DI AOSTA

Lega Nazionale Dilettanti – Settore Giovanile e Scolastico

Via Zimmerman, 6 – 11100 AOSTA

Tel. 0165/40695 – Fax 0165/ 239103

E-mail:

 

Stagione Sportiva 2001-2002

COMUNICATO UFFICIALE N°2                             Aosta, lì 5 Settembre 2001

 

1)     Dai Comunicati Ufficiali N° 4 del 30.08.2001 e N°5 del 6.09.2001  del Comitato Regionale Piemonte Valle d’ Aosta  - Settore Giovanile e Scolastico.-

 

C.U. N° 4 del 30.8.2001 Comitato Regionale Piemonte Valle d’ Aosta – Settore Giovanile e Scolastico

 

1. ESTRATTO  DAL  COMUNICATO  UFFICIALE  N.  30  DELLA  F.I.G.C.

    DEL  9 AGOSTO 2001 

 

Il Commissario Straordinario,

 

      visto l'art. 12 comma 3 dello Statuto federale, ha provveduto alla seguente nomina:

 

Settore per l'Attività Giovanile e Scolastica

 

      Presidente                    Innocenzo Mazzini

 

 

2.      ESTRATTO DAL COMUNICATO UFFICIALE N. 15 DEL SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO  DEL  23 AGOSTO 2001.

 

 

Il Commissario Straordinario

 

·                  Vista la proposta del Presidente  del Settore per l'Attività Giovanile e Scolastica

·                  visto l'art. 12 comma 6 dello Statuto federale

 

ha provveduto a nominare per la stagione sportiva 2001/2002  i seguenti Presidenti dei Comitati Regionali del Settore per l'Attività Giovanile e Scolastica :

 

 

 

2001/2002= 4

 

OMISSIS

 

 

·                  Comitato Regionale Piemonte V. Aosta                             Giorgio Bergesio

                                                                                           

3.      COMUNICAZIONE DEL PRESIDENTE

 

Si rende noto che il Presidente del C.R.P.V.A., allo scopo di stabilire un contatto diretto con le Società, è ben lieto di mettersi a disposizione per eventuali incontri con i dirigenti.

 

Si pregano pertanto le Società interessate a rivolgersi alla Segreteria del Comitato per concordare le date e le modalità compatibilmente con gli impegni del Presidente.

 

 

4.      SPONSORIZZAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI MARCHI

 

Per la stagione sportiva 2001/2002 sarà consentito a tutte le Società partecipanti, apporre un marchio e/o scritta  dell'Azienda Sponsor.

 

In applicazione dell'art. 72 comma 4, delle Norme organizzative lnterne della F.I.G.C., dell'art.  50 del  Regolamento della L.N.D. e delle delibere F.I.G.C., adottate in data   13 Maggio 1986, 14 Dicembre 1991 e 10 Giugno 1993 è consentito alle Società calcistiche di:

 

a)    apporre, nella parte anteriore delle maglie da gioco, un marchio o scritta dell'Azienda Sponsor di dimensioni non superiori a 200 cmq;

 

b)    apporre, nella parte anteriore delle maglie da gioco, un marchio o scritta dell'Azienda fornitrice dell'abbigliamento sportivo di dimensioni non superiori a 20 cmq;

 

c)    apporre, sui pantaloncini da gioco, un marchio o scritta dell'Azienda fornitrice  dell'abbigliamento sportivo di dimensioni non superiori a 20 cmq;

 

d)    apporre, all'interno del numero sul retro della maglia, il marchio dell'Azienda fornitrice l'abbigliamento di gioco di dimensioni non superiori a 9 cmq.

 

5.      AUTORIZZAZIONE DISPUTA GARE AMICHEVOLI

 

Le Società operanti nei Campionati Regionali che intendano organizzare gare amichevoli sul proprio campo, hanno l'obbligo di avanzare specifica richiesta direttamente a questo Comitato, Via Volta  9 - Torino.

 

I Sodalizi facenti parte dei Comitati Periferici debbono - invece - inoltrare apposita istanza al Comitato Provinciale o Locale di appartenenza.

 

Le citate  richieste dovranno pervenire al Comitato competente, non oltre il 10° giorno antecedente la disputa della gara; eventuali comunicazioni telefoniche  non verranno prese in considerazione.

 

In nessun caso, tali domande, potranno essere indirizzate al Settore Arbitrale od ai singoli Arbitri.

                                                                                                                                    2001/2002= 5

 

6.      FORMAZIONE DELLE CLASSIFICHE (Art. 51 N.O.I.F.)

 

 

1.   I Campionati sono disputati con gare di andata e ritorno.

 

2.   La classifica è stabilita per punteggio, con attribuzione di tre punti per la gara vinta, di un punto per la gara pareggiata. Per la _gara perduta non vengono attribuiti punti.

 

7).   TORNEO CATEGORIA PULCINI

        Dal Comunicato Ufficiale n. 1 del Settore Giovanile e Scolastico riportiamo quanto segue:

 

a)  Caratteristiche dell'attività

 

   L'attività della categoria "Pulcini", ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico e viene organizzata su base strettamente locale.

I Comitati competenti indicono, nell'ambito della loro giurisdizione territoriale, uno o più tornei della durata complessiva di almeno tre mesi, a verifica dell'attività effettivamente svolta dalle Società.

In merito a tale attività il Settore Giovanile e Scolastico dispone quanto segue:

-   le gare si articolano in una partita alla quale partecipano sette calciatori;

-   e Società possono partecipare ai tornei con una o più squadre;

-   le formazioni possono essere composte da soli calciatori, da sole calciatrici o anche miste;

-   nell'elenco da presentare all'arbitro, vanno iscritti fino ad un massimo di quattordici calciatori e nello spirito promozionale con cui si configura l'attività "Pulcini", l'elenco dovrebbe sempre presentare 14 giuocatori;

 

b) Organizzazione dell'attività

 

   La partita viene disputata, su campi di dimensioni ridotte, da identificarsi "di massima" con una metà del campo regolamentare, in senso trasversale; va comunque garantita la distanza di sicurezza (m. 1.50) da qualsiasi ostacolo (come ad esempio, i pali delle porte).  Le porte devono avere la misura di m. 4x2; i palloni devono essere di dimensioni ridotte, convenzionalmente identificabili con il n. 4.

   Le Società affiliate alla Fl.G.C. che dovessero partecipare a Tornei della categoria "Pulcini", organizzati da Enti di Promozione. sono tenute a rispettare la normativa del Settore Giovanile e Scolastico in materia tecnico-organizzativa come riportato nei rispettivi paragrafi del presente Comunicato (sostituzioni, numero di calciatori da schierare, ecc.), come da Convenzione stipulata tra il Settore Giovanile e Scolastico e gli Enti di Promozione Sportiva.

 

c) Modalità di svolgimento della partita

 

In questa stagione sportiva, sulla base delle indicazioni positive emerse nel corso della stagione precedente, verrà confermata la formula di articolazione della partita, che dia modo di far giuocare complessivamente più tempo a ciascun partecipante, di recuperare parte del tempo impiegato per le sostituzioni, e che dia, infine, più opportunità all'allenatore, sul piano della didattica applicata, di comunicare e trasmettere il proprio pensiero in condizioni più efficaci.

   Ciò si realizza evidentemente quando i ragazzi/e si vengono a trovare in una situazione di effettiva predisposizione a ricevere e quindi apprendere le relative informazioni.

                                                                                                                                     2001/2002= 6

 

 

   La partita quindi verrà suddivisa in 3 tempi di 15' ciascuno, così regolamentati:

- tutti i partecipanti iscritti nella lista dovranno giuocare almeno un tempo dei primi due; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni, ed i nuovi entrati non potranno essere più sostituiti fino al termine del secondo tempo, tranne che per validi motivi di salute; nel terzo tempo, potranno essere effettuate sostituzioni con il sistema dei "cambi liberi" con la procedura cosiddetta "volante";

 

- i cambi  liberi, che potranno essere effettuati solo nella terza frazione di gara, (dovranno tuttavia assicurare, anche in questo caso, la totale partecipazione di tutti i giuocatori che hanno preso parte solo ad un tempo; in altre parole ciò corrisponde ai primi 7 giuocatori sostituiti più i 7 giuocatoti che sono stati immessi in giuoco all'inizio del secondo tempo.  Nel caso che i giuocatori  presenti nella  lista siano in numero inferiore a 14 la normativa suddetta dovrà essere egualmente rispettata.

   I Comitati competenti. tenendo conto della realtà nella quale operano, al fine di organizzare un'attività più omogenea per ciò che riguarda l'aspetto tecnico-didattico, dovranno, per quanto possibile, suddividere le squadre all'interno dei gironi per fasce d'età.  Le Società, al momento dell'iscrizione ai Tornei Federali, dovranno presentare l'elenco nominativo dei componenti  la squadra, dal quale si evinca l'anno di nascita di ciascun giovane calciatore.

   Pertanto le squadre ed i rispettivi giuocatori, che verranno inserite in un determinato girone,  potranno partecipare solo ed esclusivamente a gare del girone di cui fanno parte.

In caso di necessità, i Comitati competenti sono autorizzati ad inserire nell'organico di un medesimo girone due o  più squadre di una stessa Società, con l'assoluto obbligo  che l'utilizzazione dei calciatori si limiti ad una sola gara per ognuna delle giornate fissate dal calendario del torneo.

I Presidenti dei Comitati Regionali, sentiti i Responsabili Tecnici, hanno facoltà di chiedere autorizzazione a sperimentare ulteriori criteri innovativi, fermi restando i principi generali  dell'attività. sopra esplicitati.

Le  Società  affiliate  alla F.I.G.C.  che  dovessero partecipare a Tornei delle categorie Pulcini,

organizzati da Enti di Promozione, sono tenute a  rispettare la normativa del Settore Giovanile e Scolastico in materia tecnico-organizzativa come riportato nei rispettivi paragrafi del presente Comunicato (sostituzioni, numero di calciatori da schierare a 7 e a 9, etc.).

Il mancato rispetto delle nonne suddette, comporterà il deperimento al Giudice Sportivo di competenza.

 

d)    Arbitraggio delle gare

 

     Le Società, all'atto dell'iscrizione, debbono segnalare ai competenti Comitati il nominativo di una o più persone, tesserate per la Società o comunque per la F.I.G.C., che abbiano compiuto i quindici anni, da utilizzare per la direzione delle gare.  Per quanto possibile, il Settore, di concerto con l'associazione Italiana Arbitri, farà impartire lezioni sulle regole di giuoco e la funzione arbitrale alle persone segnalate.

     Inoltre, considerata l'attività promozionale della categoria Pulcini con il fine di divulgare al meglio un corretto concetto di cultura sportiva, si auspica che venga presa in considerazione la possibilità di far arbitrare le gare del Torneo Pulcini ai calciatori Allievi o Juniores tesserati per la Società stessa, prospettando quindi anche la eventualità di un passaggio dal calcio giuocato al mondo dell'arbitraggio.

     I Comitati Provinciali e Locali inviano alle Società, in occasione della pubblicazione dei calendari dei Tornei, un adeguato quantitativo di moduli di rapporto di gara affinché le persone che vengono impiegate per dirigere gli incontri possano provvedere alla stesura degli stessi.  La designazione deve essere attribuita ad una persona segnalata dalla Società ospitante.

                                                                                                                                     2001/2002= 7

 

 

Al termine della gara, i dirigenti delle due Società debbono firmare, per avallo, il risultato che il tecnico o dirigente-arbitro riporta sul rapporto.  Il direttore di gara provvede, quindi, a completare  il  rapporto  in  tutte  le  altre  voci  ivi  previste.  Il  rapporto deve  essere trasmesso  al competente

 

Comitato a cura della Società ospitante, entro due giorni dallo svolgimento della gara.  Qualora tale documento non dovesse pervenire al Comitato di competenza entro 10 giorni dalla disputa della gara, il Presidente (o chi per lui f.f.) e la Società, responsabili del mancato  inoltro, vengono  rispettivamente  puniti come previsto dall'art. 8) comma b) e dall'art. 9) comma e) del Codice di Giustizia Sportiva.

Ferma restando la necessità della compilazione del rapporto di gara, sul modulo fornito dai Comitati, da parte dell'arbitro (tecnico o dirigente) prescelto dalla Società ospitante, e della successiva trasmissione dello stesso rapporto al Comitato competente, si dispone che nei tornei "Pulcini" non si dia risalto eccessivo ed esclusivo all'esito tecnico del confronto, ma si sottolinei anche l'aspetto promozionale dell'attività per questa fascia d'età motivando le Società, gli allenatori, i calciatori, le calciatrici, i dirigenti, i genitori a considerare fondamentali per la crescita globale dei giovani: la qualità delle caratteristiche tecnico-organizzative, i metodi didattici e la positività in generale dell'ambiente societario in cui si opera.

Si invitano, inoltre i Dirigenti ed i Tecnici delle Società a fare in modo che, sia all'inizio che alla fine di ogni confronto, i partecipanti salutino il pubblico e si salutino fra loro, stringendosi la mano.

 

e) Limiti di età

 

Possono prendere parte all'attività Pulcini i nati dal 1.1.1991 e che abbiano comunque compiuto l'ottavo anno di età.


Esempio sulla possibile strutturazione del campo di giuoco 7c7 cat.  Pulcini


 


 

 

 


CATEGORIA SPERIMENTALE PULCINI ANNO 1993 a cinque

 

     a) Caratteristiche dell'attività

Alla luce della sperimentazione proposta presso il Centro Calcio Federale di Roma ed i Centri Pilota Regionali, e per facilitare il passaggio alle attività di gara successive, nella presente stagione sportiva i Comitati competenti organizzano un Torneo a carattere provinciale che si svolgerà secondo le seguenti modalità:

-   le  Società  partecipano  ai Tornei della presente categoria con  una  o  più  squadre  composte  da

cinque  calciatori  di  solo  sesso maschile o di solo sesso femminile o miste;
                                                                                                                                       2001/2002= 8

 

 

-    nell'elenco da predisporre vanno iscritti non meno di 8 calciatori: in ogni caso tutti i calciatori iscritti in elenco debbono obbligatoriamente prendere parte alla gara, secondo le modalità di seguito indicate:

-    le Società possono prendere parte ai Tornei con una o più squadre; in caso di necessità è consentito ai Comitati Organizzatori di inserire nell'organico di uno stesso girone due o più squadre di una stessa Società, con l'assoluto obbligo che l'utilizzazione dei calciatori si limiti ad una sola gara per ognuna delle giornate fissate dal calendario del Torneo;

-    le gare vengono disputate su campi di giuoco che dovranno configurarsi in spazi ridotti di misure minime/massime 35/45x16/25 m. (p.e. un quarto di campo) porte ridotte 3x2 o 4x2. I palloni devono essere di peso contenuto convenzionalmente identificabili con il n. 4.

-    viste le modalità organizzative che permettono l'utilizzazione di spazi limitati, ove se ne presenti l'opportunità e se il numero dei partecipanti lo consente, almeno 14 per squadra, sarà possibile disputare due gare contemporaneamente, nell'ambito dello stesso incontro, nel rispetto dei principi enunciati.

 

b)  Modalità di svolgimento della partita

 

Per quanto riguarda la categoria Pulcini 1993, fermo restando le premesse, si precisa quanto segue:

-   la partita sarà suddivisa in 3 tempi di 15' ciascuno, così regolamentati:

-   tutti i partecipanti iscritti nella lista dovranno giuocare almeno un tempo dei primi due; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni, ed i nuovi entrati non potranno essere più sostituiti fino al termine del secondo tempo, tranne che per validi motivi di salute; nel terzo tempo, potranno essere effettuate sostituzioni con il sistema dei "cambi liberi" con la procedura cosiddetta "volante";

-    i cambi liberi, che potranno essere effettuati solo nella terza frazione di gara, dovranno tuttavia assicurare, anche in questo caso, la totale partecipazione dei giuocatori che hanno preso parte solo ad un tempo di gara; in altre parole ciò corrisponde ai primi 5 giuocatori sostituiti più i 5 giuocatori che sono stati immessi in giuoco all'inizio del secondo tempo.  Nel caso i giuocatori presenti nella lista fossero in numero inferiore a 10, i principi didattico-regolamentari sopra esposti, dovranno essere ugualmente rispettati.

     Ulteriormente, al fine di migliorare la comunicazione fra allievi/e e tecnico, nel sottolineare i principi educativi che sottintendono l'organizzazione delle attività è possibile, nell'arco della gara, utilizzare, da parte di ciascuna squadra, un time-out della durata di 1'.

 

c ) Organizzazione dell'attività

 

       I Comitati competenti potranno organizzare uno o più gironi e le Società, al momento dell'iscri-

zione ai Tornei Federali, dovranno presentare l'elenco nominativo dei giovani che compongono la squadra, dal quale si evinca l'anno di nascita di ciascun giovane calciatore.

Stando il carattere sperimentale dell'attività in questione, si da facoltà ai Comitati competenti di elaborare progetti tecnici che prevedano incontri-raduno a più squadre, con connotazioni di tipo ludico, anche attraverso la collaborazione delle componenti territoriali del Calcio a 5 e Calcio Femminile del Settore Giovanile e Scolastico.

Per il Torneo Sperimentale Pulcini anno 1993 i Comitati competenti, a conclusione della stagione sportiva, organizzeranno una Festa Provinciale.

 

Le Società affiliate  alla F.I.G.C. che dovessero partecipare a Tornei della categoria Pulcini, organizzati da Enti di Promozione, sono tenute a rispettare la normativa del Settore Giovanile e Scolastico in materia. tecnico-organizzativa come riportato nei rispettivi paragrafi del presente

                                                                                                                                   2001/2002= 9

 

 

Comunicato (sostituzioni, numero di calciatori da schierare, ecc.), come da Convenzione stipulata tra il Settore Giovanile e Scolastico e gli Enti. di  Promozione Sportiva.

 

d) Arbitraggio delle gare

 

Le gare dovranno essere arbitrate dagli stessi istruttori delle squadre partecipanti al confronto favorendo che tutto avvenga in un clima sereno.  Per quanto possibile, il Settore, di concerto con l'associazione Italiana Arbitri, farà impartire lezioni sulle  regole di giuoco e la funzione arbitrale agli istruttori coinvolti.

Considerata inoltre, l'attività promozionale della categoria Pulcini primo anno, i Comitati Provinciali e Locali inviano alle Società, in occasione della pubblicazione dei calendari dei Tornei, un adeguato quantitativo di moduli di rapporto di gara affinché le persone che vengono impiegate per dirigere gli incontri possano provvedere alla stesura degli stessi.

Al termine della gara, gli istruttori delle due Società debbono firmare, per avallo, il rapporto completandolo in tutte le altre voci ivi previste senza trascrivere il risultato tecnico, ma specificando il comportamento del pubblico ed in particolare dei genitori in tribuna.

Il rapporto deve essere trasmesso al competente Comitato a cura della Società ospitante, entro due giorni dallo svolgimento della gara.  Qualora tale documento non dovesse pervenire al Comitato di competenza entro 10 giorni dalla disputa della gara, il Presidente (o chi per lui f.f.) e la Società, responsabili  del  mancato  inoltro,  incorrono  nelle sanzioni  previste  dagli  artt.  8  comma  b)  e  9  comma e)  del Codice di Giustizia Sportiva.

 

e) Fasi finali

 

Stante il carattere promozionale dell'attività, più volte ribadito, non si dovrà dar luogo a fasi di finale per l'aggiudicazione di eventuali titoli né evidentemente pubblicare nel corso della stagione risultati e classifiche ma solo i nomi delle squadre che partecipano all'incontro.

Si invitano, inoltre, i dirigenti ed i tecnici delle Società a fare in modo che, sia all'inizio che alla fine di ogni gara, i partecipanti salutino il pubblico e si salutino fra loro, stringendosi la  mano.

 

f) Limti di età

 

Il Torneo è riservato ai nati nel 1993.

 

Esempio sulla possibile strutturazione del campo di giuoco 5c5 cat.  Pulcini 93


 


 



                                                                                                                                     2001/2002= 10

 

 

 

PULCINI  1992  a  sette

 

a) Caratteristiche dell'attività

 

Tornei per i bambini/e nati nel 1992; attività da organizzare nei Comitati nei quali sussistano le possibilità numeriche, nel  rispetto, comunque, delle  norme  descritte precedentemente al paragrafo

PULCINI, al seguente modello di gioco partita a sette:

-   le gare si articolano in una partita alla quale partecipano sette calciatori;

-   le Società possono partecipare ai tornei con una o più squadre;

-   le formazioni possono essere composte da soli calciatori, da sole calciatrici o anche miste;

-   nell'elenco da predisporre, vanno iscritti fino ad un massimo di quattordici calciatori e nello spirito promozionale con cui si configura l'attività  "Pulcini", l'elenco dovrebbe sempre presentare 14 giuocatori;

 

b) Organizzazione dell'attività

 

La partita viene disputata, su campi di dimensioni ridotte, da identificarsi "di massima" con una metà del campo regolamentare, in senso trasversale; va comunque garantita la distanza di sicurezza (m. 1.50) da qualsiasi ostacolo (come ad esempio, i pali delle porte).  Le porte devono avere la misura di m. 4x2; i palloni devono essere di dimensioni ridotte, convenzionalmente identificabili con il n. 4.

   Le Società affiliate alla F.I.G.C. che dovessero partecipare a Tornei della categoria Pulcini, organizzati da Enti di Promozione, sono tenute a rispettare la normativa del Settore Giovanile e Scolastico in materia tecnico-organizzativa come riportato nei rispettivi paragrafi del presente Comunicato (sostituzioni, numero di calciatori da schierare, ecc.), come da Convenzione stipulata tra il Settore Giovanile e Scolastico e gli Enti di Promozione Sportiva.

 

Per quanto concerne modalità di svolgimento della partita, arbitraggio delle gare e tutto quanto non descritto in merito a norme e regolamenti che regolano l'attività, si dovrà fare chiaro riferimento alle normativa generali della categoria PULCINI.

 

c) Limiti di età

 

Il torneo è riservato ai nati nel 1992.

 

CATEGORIA PULCINI ANNO 1991 a nove

 

   a) Caratteristiche dell'attività

 

Al fine di verificare la possibilità di organizzare l'attività tecnica attraverso una progressione didattica più idonea ai ragazzi/e che partecipano ai Tornei organizzati dal Settore Giovanile e Scolastico, nella presente stagione sportiva i Comitati competenti organizzano un Torneo a carattere provinciale che si svolgerà secondo le modalità:

- le Società partecipano ai Tornei della presente categoria con una o più squadre composte da nove calciatori di solo sesso maschile o di solo sesso femminile o miste;

 

-  nell'elenco da presentare all'arbitro vanno iscritti fino ad un massimo di sedici calciatori: in ogni caso tutti i calciatori iscritti in elenco debbono obbligatoriamente prendere parte alla gara, secondo le modalità di seguito indicate:

 

                                                                                                                                     2001/2002= 11

 

 

- le Società possono prendere parte ai Tornei con una o più squadre; in caso di necessità è consentito ai Comitati Organizzatori di inserire nell'organico di uno stesso girone due o più squadre di una stessa Società, con l'assoluto obbligo che l'utilizzazione dei calciatori si limiti ad una sola gara per ognuna delle giornate fissate dal calendario del Torneo;

- le gare vengono disputate su campi di giuoco la cui lunghezza è compresa tra le due aree di rigore, mentre la larghezza è determinata prolungando possibilmente cinque metri a destra ed a sinistra la linea dell'area di rigore; le porte, di m. 4x2, (possono essere utilizzate porte di diverso dimensionamento per esempio 5x2, 6x2) dovranno essere posizionate sulla linea dell'area di rigore, i palloni devono essere di circonferenza ridotta e peso contenuto convenzionalmente identificabili con il n. 4.

 

b) Modalità di svolgimento della partita

 

     Per quanto riguarda la categoria Pulcini 1991, fermo restando le premesse e le motivazioni che ci hanno condotti a sperimentare per la stagione sportiva precedente, con indicazioni positive, una nuova formula delle gare della categoria Pulcini, si precisa quanto segue:

- la partita sarà suddivisa in 3 tempi di 18' ciascuno, così regolamentati:

- tutti i partecipanti iscritti nella lista dovranno giuocare almeno un tempo dei primi due; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni, ed i nuovi entrati non potranno essere più sostituiti fino al termine del secondo tempo, tranne che per validi motivi di salute; nel terzo tempo, potranno essere effettuate sostituzioni con il sistema;  dei  "cambi liberi" con la procedura cosiddetta  "volante";

   - i cambi liberi,  che potranno essere effettuati solo nella terza frazione di gara, dovranno tuttavia assicurare, anche in questo caso, la totale partecipazione dei giuocatori che hanno preso parte solo ad un tempo di gara; in altre parole ciò corrisponde ai primi 7 giuocatori sostituiti più i 7 giuocatori che fossero stati immessi in giuoco all'inizio del secondo tempo.  Nel caso i giuocatori presenti nella lista siano in numero inferiore a 16, i principi didattico-regolamentari sopra esposti, dovranno essere ugualmente  rispettati.

Ulteriormente, al fine di migliorare la comunicazione fra allievi/e e tecnico, nel sottolineare i principi educativi che sottintendono l'organizzazione delle attività è possibile, nell'arco della gara, utilizzare, da parte di ciascuna squadra un time-out  della durata di 1'.

 

c) Organizzazione dell'attività

 

I Comitati competenti potranno organizzare uno o più gironi e le Società, al momento dell'iscrizione ai Tornei Federali, dovranno presentare l'elenco nominativo dei giovani che compongono la squadra, dal quale si evinca l'anno di nascita di ciascun giovane calciatore.

Per il Torneo Pulcini anno 1991 i Comitati competenti, a conclusione della stagione sportiva, organizzeranno una Festa Provinciale.

Le Società affiliate alla F.I.G.C. che dovessero partecipare a Tornei della categoria Pulcini, organizzati da Enti di Promozione, sono tenute a rispettare la normativa del Settore Giovanile e Scolastico in materia tecnico-organizzativa come riportato nei rispettivi paragrafi del presente Comunicato (sostituzioni, numero di calciatori da schierare, ecc.), come da Convenzione stipulata tra il Settore Giovanile e Scolastico e gli Enti di Promozione Sportiva.

 

d)    Arbitraggio delle gare

 

       Le Società, all'atto dell'iscrizione, debbono  segnalare  ai  competenti  Comitati il nominativo di

una o più persone tesserate per la Società o comunque per la F. I. G. C., che abbiano compiuto i quindici anni, da utilizzare per la direzione delle gare.  Per  quanto  possibile,  il Settore, di concerto

 

                                                                                                                                        2001/2002= 12

 

 

con l'associazione Italiana Arbitri, farà impartire lezioni sulle regole di giuoco e la funzione arbitrale  alle persone segnalate.

 

E' consigliato comunque segnalare persone abilitate come "Istruttore di Giovani Calciatori", "Allenatore di Base"  od Allenatore di I° , II° e III° Categoria.

Considerata inoltre, l'attività promozionale della categoria Pulcini, con il fine di divulgare al meglio un corretto concetto di cultura sportiva, si auspica che venga presa in considerazione la possibilità di far arbitrare le gare del Torneo Pulcini, ai calciatori Allievi o Juniores tesserati per la Società stessa, prospettando quindi anche la eventualità di un passaggio dal calcio giocato al mondo dell'arbitraggio.

 

I Comitati Provinciali e Locali inviano alle Società, in occasione della pubblicazione dei calendari dei Tornei, un adeguato quantitativo di moduli di rapporto di gara affinché le persone che vengono impiegate per dirigere gli incontri possano provvedere alla stesura degli stessi.  La designazione deve essere attribuita ad una persona segnalata dalla Società ospitante.

     Al termine della gara, i dirigenti delle due Società debbono firmare, per avallo, il risultato che il tecnico o  dirigente-arbitro  riporta sul rapporto.  Il direttore di gara provvede,  quindi, a  completare

il rapporto in tutte le altre voci ivi previste.

 

Il rapporto deve essere trasmesso al competente Comitato a cura della Società ospitante, entro due giorni dallo svolgimento della gara.  Qualora tale documento non dovesse pervenire al Comitato di competenza entro 10 giorni dalla disputa della gara, il Presidente (o chi per lui f.f.) e la Società, responsabili del mancato inoltro, incorrono nelle sanzioni previste dagli artt. 8 comma b) e 9 comma  e)  del Codice di Giustizia Sportiva.

 

 

e) Fasi finali

 

     Stante il carattere promozionale dell'attività, più volte ribadito, non si dovrà dar luogo a fasi di finale per l'aggiudicazione di eventuali titoli né evidentemente pubblicare nel corso della stagione risultati e classifiche ma solo i nomi delle squadre che partecipano all'incontro.

Si invitano, inoltre, i dirigenti ed i tecnici delle Società a fare in modo che, sia all'inizio che alla fine di ogni gara, i partecipanti salutino il pubblico e si salutino fra loro, stringendosi la mano.

 

 

f) Limiti di età

 

 

Il Torneo è riservato ai nati nel 1991.

     Qualora in alcune realtà periferiche non si arrivi ad un numero sufficiente di ragazzi/e che abbiano l'età suddetta, con una richiesta che dovrà essere necessariamente documentata e presentata all'atto dell'iscrizione al torneo, potranno essere utilizzati i calciatori nati nel 1992 fino ad un massimo di 3 unità.

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                     2001/2002= 13

 

Esempio sulla possibile strutturazione del campo di giuoco 9c9 cat.  Pulcini

 


 


 

 

 


CATEGORIA ESORDIENTI 1990 a campo ridotto

 

a) Caratteristiche dell'attività

 

Al fine di verificare la possibilità di organizzare l'attività tecnica attraverso una progressione didattica più idonea ai ragazzi/e che partecipano ai Tornei organizzati dal Settore Giovanile e Scolastico, anche nella presente stagione sportiva i Comitati competenti organizzano un Torneo sperimentale a carattere provinciale che si svolgerà secondo le seguenti modalità:

-   le Società partecipano ai Tornei della presente categoria con una o più squadre composte da undici calciatori di solo sesso maschile o di solo sesso femminile o miste;

-   nell'elenco da presentare all'arbitro vanno iscritti fino ad un massimo di diciotto calciatori: in ogni caso tutti i calciatori iscritti in elenco debbono obbligatoriamente prendere parte alla gara secondo le modalità di seguito indicate;

-   le Società possono prendere parte ai Tornei con una o più squadre; in caso di necessità è consentito ai Comitati Organizzatori di inserire nell'organico di uno stesso girone due o più squadre di una stessa Società, con l'assoluto obbligo che l'utilizzazione dei calciatori si limiti ad una sola gara per ognuna delle giornate fissate dal calendario del Torneo;

-   le gare vengono disputate su campi di giuoco la cui lunghezza è compresa tra le due aree di rigore, mentre la larghezza è determinata prolungando possibilmente cinque metri a destra ed a sinistra la linea dell'area di rigore; le porte dovranno essere posizionate sulla linea dell'area di rigore, i palloni devono essere di circonferenza ridotta e peso contenuto convenzionalmente identificabili con il n. 4.

 

     b) Modalità di svolgimento della partita

 

     Per quanto riguarda la categoria Esordienti 90, fermo restando le premesse, e sulla base delle indicazioni positive emerse nel corso della stagione sportiva precedente, si precisa quanto segue:

 

- la partita verrà suddivisa in 3 tempi di 18' ciascuno, così regolarmente suddivisi:

- tutti i partecipanti iscritti nella lista dovranno giuocare almeno un tempo dei primi due; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni, ed i nuovi entrati non potranno essere più sostituiti fino al termine del secondo tempo, tranne che per validi motivi di salute; nel terzo tempo, potranno essere effettuate sostituzioni con il sistema dei "cambi liberi" con la procedura cosiddetta "volante";


                                                                                                                                        2001/2002= 14

 

 

- i cambi liberi, che potranno essere effettuati solo nella terza frazione di gara, dovranno tuttavia assicurare, anche in questo caso, la totale  partecipazione dei giuocatori che hanno preso parte solo ad un tempo di gara; in altre parole ciò corrisponde ai primi 7 giuocatori sostituiti più i 7 giuocatori che sono stati immessi in giuoco all'inizio del secondo tempo.  Nel caso i giuocatori presenti nella lista fossero in numero inferiore a 18, tali principi didattico-regolamentari sopra esposti dovranno essere ugualmente rispettati

Ulteriormente, al fine di migliorare  la comunicazione fra allievi/e e tecnico, nel sottolineare i principi educativi che sottintendono l'organizzazione  delle  attività è possibile,  nell'arco  della gara,

utilizzare, da parte di ciascuna  squadra, un time-out della durata di 1'.

 

^^^^^^^^

C.U. N° 5 del 6.9.2001 Comitato Regionale Piemonte Valle d’ Aosta – Settore Giovanile e Scolastico

 

2.      SOSTITUZIONE DEI CALCIATORI

 

Le Società, nel corso delle gare ufficiali del Settore Giovanile e Scolastico, hanno la facoltà di sostituire sette calciatori indipendentemente dal ruolo ricoperto.

 

Ferme restando le disposizioni di cui alle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C., si stabiliscono le seguenti modalità per la sostituzione:

 

-      nella distinta che viene presentata all'arbitro prima dell'inizio della gara, possono essere indicati non più di sette calciatori di riserva,

 

-      soltanto quelli possono sostituire i calciatori impiegati all'inizio della gara.

 

L'inosservanza di tale disposizione comporta l'applicazione della sanzione della perdita della gara con il risultato di 0-2 o con il risultato eventualmente conseguito sul campo dalla squadra avversaria, se migliore agli effetti della differenza reti.

 

 

3.      IMPRATICABILITA' DEL TERRENO DI GIOCO

 

Il giudizio sulla impraticabilità del terreno di gioco è di esclusiva competenza dell'arbitro designato a dirigere la gara.

 

La constatazione deve essere effettuata ai sensi dell'art. 60 delle Norme Organizzative della F.I.G.C.

 

4.      NORME PER L'INGRESSO IN CAMPO DELLE PERSONE AUTORIZZATE

 

Per le gare organizzate dal Settore per l'attività Giovanile e Scolastica sono ammessi nel recinto di giuoco, per ciascuna delle squadre interessate, purché muniti di tessera valida per la stagione in corso:

 

a)       un dirigente accompagnatore ufficiale;

b)      un medico sociale;

c)       un allenatore ed un operatore sanitario ausiliario designato dal medico sociale, ovvero, in mancanza, uno o due dirigenti;

d)      i calciatori di riserva.


                                                                                                                                        2001/2002= 15

 

 

Il Dirigente indicato come accompagnatore ufficiale rappresenta, ad ogni effetto, la propria Società .

 

Le persone ammesse nel recinto di giuoco debbono prendere posto sulla panchina assegnata a ciascuna squadra e hanno l'obbligo di mantenere costantemente un corretto comportamento.  L'arbitro esercita nei loro confronti i poteri disciplinari a lui conferiti.

 

Tutte le persone ammesse nel recinto di giuoco debbono essere identificate dall'arbitro mediante documento di riconoscimento personale.

 

5.      IDENTIFICAZIONE DEI CALCIATORI

 

L'arbitro, prima di ammettere nel recinto di giuoco i calciatori, deve controllare che i dati dei documenti di identificazione corrispondano a quelli trascritti nell'elenco di gara.  Deve altresì provvedere ad identificarli in uno dei seguenti modi:

 

a)    attraverso la propria personale conoscenza;

b)    mediante un documento di riconoscimento ufficiale rilasciato dalle Autorità competenti;

c)    mediante una fotografia autenticata dal Comune di residenza o da altra Autorità all'uopo legittimata o da un Notaio;

d)    mediante apposite tessere rilasciate dalla Leghe, dal Settore per l'attività Giovanile e Scolastica e dai Comitati.

 

6.      LIMITI DI PARTECIPAZIONE DEI CALCIATORI ALLE GARE

 

Il Settore Giovanile e Scolastico ritiene opportuno precisare che la disposizione di cui all'art. 34 comma 1 delle N.O.I.F. trova applicazione soltanto nel rapporto tra squadre giovanili e prima squadra della stessa Società.

 

Infatti non vanno formulate gerarchie nell'ambito, comunque, di squadre giovanili, sia pure separatamente gestite dal Settore Giovanile e Scolastico e dalle Leghe e, conseguentemente, "Campionato superiore" va considerato soltanto quello praticato dalla prima squadra della Società.

 

7.    INVERSIONE TERRENO DI GIOCO

 

"E' opportuno che le Società prendano atto che la elaborazione dei vari calendari scaturisce - esclusivamente - dall'accoglimento delle numerosissime esigenze, evidenziate all'atto dell'iscrizione.

 

Ne consegue, pertanto, che l'articolazione cronologica prodotta non potrà, in alcun modo, essere alterata da richieste trasmesse in epoca successiva.

 

Si invitano, quindi, i Sodalizi ad astenersi dall'avanzare istanze di inversione del terreno di gioco, che non sortirebbero - comunque - esito favorevole."

 

8.    DIRITTI DI CLASSIFICA

 

Si ritiene opportuno rammentare alle Società le norme riportate sul Comunicato Ufficiale n° 1 del Settore Giovanile e Scolastico:

 

 

                                                                                                                                        2001/2002= 16

 

-      La partecipazione al campionato Nazionale Allievi Professionisti è motivo di preclusione al diritto di classifica per tutte le squadre della stessa Società iscritte al Campionato Regionale, Provinciale e Locale della suddetta categoria.

 

-      Parimenti la partecipazione al Campionato Regionale Allievi è motivo di preclusione al diritto di classifica per tutte le squadre della stessa Società iscritte al campionato Provinciale e Locale della suddetta categoria.

 

-      La partecipazione al Campionato Sperimentale lnterregionale Giovanissimi ed al campionato Regionale Giovanissimi è motivo di preclusione al diritto di classifica per tutte le squadre della stessa Società, iscritte al Campionato Provinciale e Locale della suddetta categoria

 

Pertanto le gare disputate dalle suddette Società ed i relativi risultati acquisiti, non avranno alcun valore ai fini della classifica finale, sia per le Società medesime che per tutte le altre incluse nello stesso girone, ferma restando, in ogni caso, la piena efficacia dei provvedimenti disciplinari, in deroga a quanto disposto dall'art. 12 comma 4 del C.G.S. -

 

9.      TUTELA MEDICO -SPORTIVA

 

I tesserati sono tenuti a sottoporsi a visita medica al fine di far accertare la propria idoneità all'attività sportiva.

 

L'accertamento dell'idoneità generica è richiesto per i calciatori di età compresa fra i 6 anni compiuti ed i 12 anni non compiuti.  Per i calciatori che compiono anagraficamente il 12° anno di età, come stabilito dal Consiglio Federale, c'è l'obbligo dell'accertamento dell'idoneità specifica all'attività sportiva agonistica.

 

Le società debbono rigorosamente attenersi alle disposizioni di legge ed alla vigente normativa federale.

 

10.  CAMBIO DELLE MAGLIE

 

Qualora le squadre in gara avessero maglie di colore confondibili, spetta alla ospitante cambiare la propria maglia; la squadra ospitata conserverà, invece, i propri colori sociali.

 

11.  MAGLIA DEL PORTIERE

 

Il portiere deve indossare la maglia di un colore che lo distingua dagli altri giocatori e dall'arbitro.

 

12.  RINUNCE

 

Per la stagione 2001/2002 a carico delle Società che rinunciano a gare vengono applicate le sottoindicate ammende ed eventuali indennizzi:

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                        2001/2002= 17

 

§         Ammende

 

 

 

 

 

 

CAMPIONATO

NAZIONALE

CAMPIONATI REGIONALI

CAMPIONATI PROVINCIALI

E LOCALI

TORNEI

ESORDIENTI

E PULCINI

1^ rinuncia

500.000   (€ 258,23)

100.000 (€ 51,65)

50.000 (€ 25,82)

20.000 (€ 10,33)

2^ rinuncia

1.000.000  (€ 516,46)

250.000 (€ 129,11)

100.000 (€ 51,65)

50.000 (€ 25,82)

3^ rinuncia

2.000.000 (€ 1.032,91)

500.000 (€ 258,23)

150.000 (€ 77,47)

90.000 (€ 46,48)

4^ rinuncia

4.000.000 (€ 2.065,83)

900.000 (€ 464,81)

200.000 (€ 103,29)

120.000 (€ 61,97)

 

 

N.B.    - A norma dell'art. 53 comma 8 delle NN.00.ll.FF., alle Società che si ritirino o siano escluse dal Campionato o da altre Manifestazioni Ufficiali sono irrogate sanzioni pecuniarie in misura decuplicata rispetto a quelle previste per la prima rinuncia.

 

§      Indennizzi

 

Nel caso che una società rinuncia a disputare una gara, può essere addebitato alla stessa, oltre alle ammende previste, anche l'indennizzo per spese di organizzazione.

 

13.  GUIDA PREMI DI PREPARAZIONE

 

Si allega al presente C.U. e ne fa parte integrante  guida per le societa' che hanno diritto al premio di preparazione.

 

COMMISSIONE  PREMI  DI PREPARAZIONE

 

                                   Presidente:                Vittorio  Barbotto

                       

                                   Vice Presidente:        Andrea Morsillo                      Rapp.te S.G.S

           

                                   Componenti    :           Vittorio Bartolomei

                                                                       Ciro Capone

                                                                       Marcello Folena                      Rapp.te L.N.D.

                                                                       Renato Grotti

                                                                       Edoardo Mattioli

                                                                       Paolo Mazzoli              Rapp.te L.N.P.

                                                                       Marco Michelli

                                                                       Vittorio Musacchi

                                                                       Antonio Villa                           Rapp.te L.P.S.C

 

                                   Segretario:                 Bruno Mattioli

 

Guida per le Società  che hanno diritto al Premio di Preparazione

 

stagione sportiva 2001/2002

 

2001/2002= 18

 

PREMI DI PREPARAZIONE

 

Articoli che regolano i Premi di Preparazione

 

Art. 33 del Regolamento del Settore Giovanile e Scolastico    (vedi allegato 1)

Art. 40 del Codice di Giustizia Sportiva                                    (vedi allegato 1)

Art. 96 delle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C.         (vedi allegato 1)

 

Ammontare dei Premi di Preparazione

 

Sviluppo della tabella di cui all'articolo 96:

 

Importi validi fino al  30 giugno 2000                   (allegato 2)

Importi validi fino al  30 giugno 2001                   (allegato 2)

Gli importi  in vigore dal   1  luglio  2001 verranno pubblicati dopo la delibera del Consiglio Federale che definirà il nuovo parametro valido per la stagione sportiva 2001/2002.

 

1) Diritto al Premio

 

Il Premio di Preparazione matura all'atto del primo tesseramento del calciatore con vincolo a tempo indeterminato o quale "Giovane di Serie".

Hanno diritto al Premio la Società o le due ultime Società che hanno avuto il calciatore tesserato con cartellino rosa nell'arco delle ultime tre stagioni sportive. 

E' da tenere presente che qualora nella stagione precedente a quella in cui avviene il tesseramento a tempo indeterminato non risulti alcun tesseramento federale si perde il diritto al Premio. Il vincolo del calciatore per almeno una stagione sportiva è condizione essenziale per il diritto al Premio.

Le Società appartenenti alla Lega Dilettanti e alla Lega Professionisti Serie C possono chiedere il Premio di Preparazione a Società appartenenti a qualsiasi Lega.

Le Società appartenenti alla Lega Nazionale Professionisti possono richiedere il Premio solo a Società facenti parte della stessa Lega.

 

A seguito delle delibere emesse dalla Commissione Vertenze Economiche, ci si deve attenere per quanto riguarda l'erogazione del Premio di Preparazione a quanto segue:

 

       Professionisti - Giovani di Serie  (art. 33 delle N.O.I.F.)

 

Nel momento in cui  in cui il calciatore compie anagraficamente il 14° anno di età gli viene  automaticamente  attribuita la qualifica di  "Giovane di Serie".

La Società tenutaria del vincolo nella medesima stagione, non viene presa in considerazione nel conteggio dei tre anni per l'assegnazione del Premio.

 

Dilettanti

 

Nella Stagione sportiva in cui il calciatore firma il vincolo pluriennale, la Società tenutaria del vincolo non viene presa in considerazione nel conteggio dei tre anni per l'assegnazione del Premio.

 

2) Modalità di richiesta del Premio di Preparazione a Società

 

La richiesta del Premio (fac-simile allegato 4) è consigliabile venga effettuata alla Società interessata, a mezzo lettera raccomandata, con avviso di ricevimento.  In difetto di pagamento la Società richiedente potrà presentare ricorso in 1° istanza alla Commissione Premi di Preparazione secondo le modalità riportate al punto 3.


2001/2002= 19

 

3)  Modalità   per  l'inoltro  del  ricorso  in   Istanza  alla Commissione  Premi  di

     Preparazione

 

Non è prevista alcuna tassa per il ricorso in 1a istanza.  Il ricorso (fac-simile allegato 5) va inviato alla F.I.G.C. Commissione Premi di Preparazione, Via Po n. 36 - 00198 ROMA, a mezzo lettera raccomandata con Avviso di ricevimento, a pena di inammissibilità entro il 30 giugno della stagione successiva a quella in cui è stato effettuato il tesseramento con vincolo a tempo indeterminato o Giovane di Serie.  Copia del ricorso va contestualmente inviata alla controparte a mezzo raccomandata AR.  L'originale della ricevuta della raccomandata inviata alla Società va allegato al ricorso, insieme alla copia della richiesta alla Società di cui al punto 2.

Al ricorso va allegato il cartellino o i cartellini in originale, o copia autenticata dal Comitato Provinciale che li ha emessi.

Le eventuali memorie e la documentazione della controparte  dovranno pervenire alla Commissione entro il termine perentorio di 30 giorni dalla spedizione del ricorso.

 

4) Lettera liberatoria

 

L'eventuale lettera liberatoria (su carta intestata della Società richiedente e firmata dal Presidente pro tempore - vedi allegato n. 6)  attestante l'intervenuta transazione tra le parti, dovrà avere il visto di autenticità apposto dal Comitato competente della Società richiedente il Premio, presso il quale verrà depositato l'originale, e dovrà pervenire alla  Commissione Premi di Preparazione prima della data della riunione

Se mancante del detto requisito la liberatoria non potrà essere presa in considerazione.

 

5) Modalità per l'inoltro del ricorso in 2a istanza alla Commissione Vertenze Economiche

 

Il ricorso  in 2a  ed ultima  istanza  avverso  le decisioni della Commissione Premi di Preparazione ( Art. 40 comma 3 Codice di Giustizia Sportiva - vedi allegato 1) va proposto entro

30 giorni dalla comunicazione della decisione alla Commissione Vertenze Economiche - Via Po, n. 36 - 00198 ROMA - con le modalità di cui all'art. 23 Codice Giustizia Sportiva e con la prescritta tassa determinata per la stagione 2001/2002 come da Comunicato Ufficiale F.I.G.C. n. 50  del 16/05/2001 di seguito riportata:

 

 

·         Lega Nazionale Professionisti                                               £. 400.000         €  206,58

 

·         Lega Professionisti Serie  C                                                 £. 400.000         €  206,58

 

·         Lega Nazionale Dilettanti: 

Campionato  Nazionale  Dilettanti                                         £. 200.000         €  103,29

Campionato  Nazionale Calcio  A5                                       £. 200.000         €  103,29

Campionato  Nazionale Calcio Femminile                              £. 200.000         €  103,29

 

·         Lega Nazionale Dilettanti:  Campionati  Regionali                  £. 150.000         €    77,47

 

·         Settore Giovanile e Scolastico                                               £. 150.000         €    77,47


2001/2002= 20

 

Allegato 1

 

ARTICOLO 33 REGOLAM.  S.G.S

IL PREMIO DI PREPARAZIONE

 

1- La  corresponsione  del   "Premio di Preparazione"   è   disciplinato   dall'art.  96  delle  Norme

    Organizzative   Interne   della   F.I.G.C.   ed il   versamento  dello stesso deve essere regolato

    direttamente  dalle società interessate.

 

ARTICOLO  96  N.O.I.F.

PREMIO DI PREPARAZIONE

 

1 - Le società che richiedono per la prima volta il tesseramento come "giovane di serie", "giovane dilettante" o "non professionista" di calciatori che nella precedente stagione sportiva siano stati tesserati come "giovani", con vincolo annuale o biennale, sono tenute a versare alla o alle società per le quali il calciatore è stato precedentemente tesserato un "Premio di Preparazione" sulla base di un parametro aggiornato al termine di ogni stagione sportiva in base agli indici ISTAT per il costo della vita, salvo diverse determinazioni del Consiglio Federale e per i coefficienti di seguito indicati:

 

LEGA

CAMPIONATO

COEFFICIENTI   PARZIALI

   penultima società       ultima società

COEFF. TOTALE

Società

 

Dilettanti

 

 

 

 

 

 

Calcio a cinque 

          e

Calcio Femminile

 

Professionisti

 

  3a Categoria

  2a Categoria

  1a Categoria

  Promozione

  Eccellenza

  Nazionale

 

  Regionale

  Nazionale B

  Nazionale  A

 

  C2

  C1

  B

  A

 

0,40

0,80

1,30

1,70

2,00

2,50

 

1,30

1,70

2,00

 

3,30

4,50

6,50

7,50

 

0,60

1,20

1,70

2,30

3,00

3,50

 

1,70

2,30

3,00

 

4,70

6.50

8,50

10,50

 

1

2

3

4

5

6

 

3

4

5

 

8

11

15

18

 

 

Le società della Lega Nazionale Professionisti non hanno diritto al "Premio di Preparazione" fatto salvo il caso in cui la richiesta riguardi società appartenenti alla stessa Lega.

 

2-  Agli effetti del "Premio di Preparazione" vengono prese in considerazione le ultime due Società titolari del vincolo annuale o biennale nell'arco degli ultimi tre anni .

Nel caso di unica società titolare del vincolo, alla stessa compete il Premio per intero.  Il vincolo del calciatore per almeno una intera stagione sportiva è condizione essenziale per il diritto al Premio.

 

3-  Se  la  corresponsione  del  Premio  non  viene  direttamente  regolata  tra  le parti,  la società o

le  società  che  ne hanno  diritto possono ricorrere  in primo  grado  alla  Commissione Premi di

Preparazione, i cui  componenti sono  nominati per ogni stagione  sportiva dal Presidente  Federale,  d'intesa  con  il  Vice Presidente,  sentito  il Consiglio Federale.

Contro le decisioni della Commissione è ammessa impugnazione in ultima istanza avanti la Commissione Vertenze Economiche.

2001/2002= 21

 

L'accoglimento del ricorso comporta a carico della società inadempiente una penale, fino alla metà del Premio non corrisposto, da devolversi alla F.I.G.C..

 

Il ricorso, esente da tasse, alla Commissione Premi di Preparazione deve essere inoltrato a mezzo raccomandata e, contestualmente, copia dello stesso deve essere inviata alla controparte; al ricorso vanno allegate, a pena di inammissibilità, le relative ricevute di spedizione attestanti l'invio alla controparte, nonché le tessere del calciatore rilasciate nelle precedenti stagioni sportive in possesso delle società aventi diritto e, in caso di accoglimento del ricorso, la Commissione provvede, per il tramite delle Leghe e dei Comitati Regionali, al sollecito prelievo della somma a carico della società obbligata.

Le eventuali memorie e la documentazione della controparte dovranno pervenire alla Commissione entro il termine perentorio di 30 giorni dalla spedizione del ricorso.

Alla suddetta memoria andranno allegate le ricevute comprovanti la spedizione alla società ricorrente, nonché l'eventuale lettera liberatoria attestante l'intervenuta transazione tra le parti, che dovrà avere il visto di autenticità apposto dal Comitato competente presso il quale dovrà essere depositato l'originale.

Se mancante del detto requisito la liberatoria non potrà essere presa in considerazione dall'organo deliberante.

La Commissione è composta dal Presidente, da un Vice Presidente e da otto componenti ed è validamente costituita con la presenza del Presidente e di quattro componenti designati per ogni singolo procedimento, dal Presidente o da chi ne fa le veci, tra tutti i componenti in carica, compreso il Vice Presidente.  In caso di assenza o di impedimento, a procedimento iniziato, di uno dei membri designati, il Presidente può procedere alla sua sostituzione in via definitiva con altro componente che abbia assistito fin dall'inizio al procedimento stesso.

 

4-  Il  diritto al  Premio  di  Preparazione si  prescrive al termine  della stagione  sportiva successiva a quella in cui è maturato.

 

 

 

TITOLO X.  La Commissione Vertenze Economiche

Art.  40

Composizione e competenze

 

1-  La Commissione Vertenze  Economiche tra le società è composta da un Presidente, da un Vice Presidente e da un numero di Componenti non inferiore a quattro né superiore a otto, nominati dal Presidente Federale per una stagione sportiva.

2.  La Commissione è validamente costituita con la presenza del Presidente o del Vice Presidente e di due Componenti, compreso eventualmente lo stesso Vice Presidente, designati per ogni singola riunione dal Presidente o all'occorrenza dal Vice Presidente.

3.  La Commissione ha competenza a giudicare delle controversie di natura economica tra le società. Il procedimento è instaurato su reclamo della parte interessata. Si applica l'art. 23. Essa giudica inoltre, in seconda e ultima istanza, sulle controversie di cui all'art. 96, comma 3, delle N.O.I.F.

L'eventuale ricorso gravato di tassa, avverso la decisione della Commissione  Premi di Preparazione, prevista dall'art. 96, comma 3, deve essere proposto entro trenta giorni dalla comunicazione della decisione stessa, mediante atto da notificarsi con le stesse modalità di cui all'art. 96 comma 3 delle N.O.I.F., contenente specifica enunciazione dei motivi di doglianza.

 

4.       OMISSIS

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2001/2002= 22

 

allegato 2      

 

TABELLA PREMI DI PREPARAZIONE

in vigore nella stagione sportiva 1999/2000  (parametro £ 776.000)

Categoria

coeff.

Penultima società

coeff.

Ultima società

coeff.

Unica Società (intero)

Penale

%           importo

totale

 

3a categoria

0,40

310.400

0,60

465.600

1

776.000

15

116.400

892.400

2a categoria

0,80

620.800

1,20

931.200

2

1.552.000

15

232.800

1.784.800

1a categoria

1,3

1.008.800

1,70

1.319.200

3

2.328.000

15

349.200

2.677.200

Promozione

1,70

1.319.200

2,30

1.784.800

4

3.104.000

25

776.000

3.880.000

Eccellenza

2,00

1.552.000

3,00

2.328.000

5

3.880.000

25

970.000

4.850.000

Camp. Naz. Dilettanti

2,50

1.940.000

3.50

2.716.000

6

4.656.000

25

1.164.000

5.820.000

Calcio A 5 e

Femminile Regionale

1,30

1.008.800

1,70

1.319.200

3

2.328.000

15

349.200

2.677.200

Calcio A 5 e

Femminile Nazionale B

1,70

1.319.200

2,30

1.784.800

4

3.104.000

25

776.000

3.880.000

Calcio a 5 e

Femminile Nazionale A

2,00

1.552.000

3,00

2.328.000

5

3.880.000

25

970.000

4.850.000

C2

3,30

2.560.800

4,70

3.647.200

8

6.208.000

35

2.172.800

8.380.800

C1

4,50

3.492.000

6,50

5.044.000

11

8.536.000

35

2.987.600

11.523.600

B

6,50

5.044.000

8,50

6.596.000

15

11.640.000

50

5.820.000

17.460.000

A

7,50

5.820.000

10,50

8.148.000

18

13.968.000

50

6.984.000

20.952.000

 

in vigore nella stagione sportiva 2000/2001  (parametro £. 797.000)

 

Categoria

coeff.

Penultima società

coeff.

Ultima società

coeff.

Unica Società (intero)

Penale

%          importo

totale

 

3a categoria

0,40

318.800

0,60

478.200

1

797.000

15

119.550

916.550

2a categoria

0,80

637.600

1,20

956.400

2

1.594.000

15

239.100

1.833.100

1a categoria

1,3

1.036.100

1,70

1.354.900

3

2.391.000

15

358.650

2.749.650

Promozione

1,70

1.354.900

2,30

1.833.100

4

3.188.000

25

797.000

3.985.000

Eccellenza

2,00

1.594.000

3,00

2.391.000

5

3.985.000

25

996.250

4.981.250

Camp. Naz. Dilettanti

2,50

1.992.500

3.50

2.789.500

6

4.782.000

25

1.195.500

5.977.500

Calcio A 5 e

Femminile Regionale

1,30

1.036.100

1,70

1.354.900

3

2.391.000

15

358.650

2.749.650

Calcio A 5 e

Femminile Nazionale B

1,70

1.354.900

2,30

1.833.100

4

3.188.000

25

797.000

3.985.000

Calcio a 5 e

Femminile Nazionale A

2,00

1.594.000

3,00

2.391.000

5

3.985.000

25

996.250

4.981.250

C2

3,30

2.630.100

4,70

3.745.900

8

6.376.000

35

2.231.600

8.607.600

C1

4,50

3.586.500

6,50

5.180.500

11

8.767.000

35

3.068.450

11.835.450

B

6,50

5.180.500

8,50

6.774.500

15

11.955.000

50

5.977.500

17.932.500

A

7,50

5.977.500

10,50

8.368.500

18

14.346.000

50

7.173.000

21.519.000

 

 

2001/2002= 23

 

allegato 4

 

 

 

RACCOMANDATA A.R

 

 

 

                                         Spett.le

                                                                                    SOCIETA'___________________

                                                                                                              ____________________

 

 

 

          Con la  presente  siamo  a  richiedervi il Premio di Preparazione , (specificare se UNICA, ULTIMA, PENULTIMA società) maturato a seguito del tesseramento, con vincolo pluriennale, o Giovane di Serie per la Vostra Società, del calciatore_________________________________ nato il _____________con noi tesserato con cartellino rosa  n. _____________  nella/e stagione/i sportiva/e _______________per un ammontare di £. ____________________________________

 

giusto quanto previsto dall'art. 96 delle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C.

 

 

In difetto  di  pagamento entro la data del _______________________,  saremmo costretti a  presentare  ricorso  alla Commissione Premi di Preparazione.

 

 

 

 

 

            TIMBRO DELLA SOCIETA'                                                  IL PRESIDENTE     

           ____________________                                                    ______________________

 

 

 

 

__________________________

                   (data)

 

 

 


2001/2002= 24

 

Allegato  5

RACCOMANDATA A.R.

 

 

                                                                                            (data) …………………………………….

 

 

                                                Spett.le F.I.G.C.

                                                                                          Commissione  Premi  di Preparazione

                                      Via Po 36

                                            00198 ROMA

 

                                                                              e, p.c.: Spett.le

                                                                                         Società ___________________________

 

La scrivente Società______________________________________________________________

denominazione attuale

________________________________________________________________________

indirizzo completo

________________________________________________________________________

eventuale denominazione  all'epoca del tesseramento

________________________________________________________________________

indirizzo completo

RICORRE  avverso  il   mancato  pagamento  del  Premio  di   Preparazione  dovuto  dalla  Società

________________________________________________________________________

 

in quanto questa, avendo tesserato, con vincolo pluriennale/Giovane di Serie, per la stagione sportiva __________ il calciatore ________________________________ nato il ____________

nostro tesserato per la/e stagione/i sportiva/e___________________________ con  cartellino/i rosa  n. _________________ rilasciato  dal  Comitato di_______________________________ (che vi rimettiamo in allegato/i in originale o fotocopia autenticata dal Comitato Provinciale) non ha  ottemperato  a quanto  previsto  dall'art.  33  del Regolamento  del  Settore Giovanile e Scolastico e dall'art. 96 delle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C..

La sottoscritta Società chiede,  pertanto, l'intervento  di  codesta  Commissione  al  fine di  ottenere quanto dovuto.

 

TIMBRO DELLA SOCIETA'                                               IL PRESIDENTE

 

     __________________________                                 _______________________

 

 

 

Si   allega l'originale della ricevuta della raccomandata inviata alla controparte.


2001/2002= 25

 

allegato 6

 

 

Fac-simile lettera liberatoria (redatta su carta intestata della società e sottoscritta dal legale rappresentante) da depositare in originale al Comitato competente e trasmettere alla Commissione Premi di Preparazione con timbro di autenticità.

 

 

 

 

 

                                                                                    (data) …………………………………………

 

 

 

                        Spett.le

   SOCIETA'_________________________

                   _________________________

 

 

 

Si  dichiara,  di  aver ricevuto quanto spettante in relazione alla nostra richiesta

per  il   tesseramento  a  tempo indeterminato/Giovane  di  Serie  del  calciatore __________________________________________________________________________

 

 

 

            In fede.

                                                                        _____________________________________

                            ( firma del Presidente )

 

 

 

 

 

             TIMBRO DELLA SOCIETA'                                   TIMBRO DEL COMITATO PROVINCIALE DI COMPETENZA

 

         

           ____________________                             ___________________________________

 

 

 

 

2001/2002= 26

 

=======================================================================

 

COMITATO PROVINCIALE DI AOSTA – SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO

 

 

1.         Torneo PULCINI  a 9 giocatori - Stagione Sportiva 2001 - 2002

 

            Le squadre PULCINI iscritte al Torneo sono state suddivise nei seguenti tre gironi:

 

            1          AOSTA/SARRE

            2          AYMAVILLES/GRESSAN

            3          COGNE AOSTA GIORGIO ELTER

            4          COURMAYEUR

            5          HONE/ARNAD

6                    SAINT CHRISTOPHE

 

IL TORNEO PULCINI inizierà in data 26.09.2001

 

 

2.         Torneo PULCINI  a 7 giocatori  girone A - Stagione Sportiva 2001 - 2002

 

 

            1          AOSTA CALCIO 2000

            2          SAINT CHRISTOPHE A)

            3          AYMAVILLES/GRESSAN

            4          CHARVENSOD S. ORSO  A)

            5          COUMBA FREIDE

6          CENTRO GIOVANI SANSON

7                    VALLE D’AOSTA A)

 

IL TORNEO PULCINI inizierà in data 26.09.2001

 

 3.        Torneo PULCINI  a 7 giocatori  girone B - Stagione Sportiva 2001 - 2002

 

 

            1          CHARVENSOD B)

            2          NONUS LAPIS

            3          SAINT CHRISTOPHE B)

            4          AOSTA/SARRE

            5          VALLE D’ AOSTA B)

           6           COMUNITA’ MONTANA GRAND PARADIS

 

IL TORNEO PULCINI inizierà in data 26.09.2001

 

4.         Torneo PULCINI  a 7 giocatori  girone C - Stagione Sportiva 2001 - 2002

 

 

            1          HONE/ARNAD

            2          PONT DONNAZ

            3          SAINT CHRISTOPHE C)

            4          VALLE D’ AOSTA C)

            5          VERRES

           6           CHAMPDEPRAZ/MONTJOVET

 

IL TORNEO PULCINI inizierà in data 26.09.2001

2001/2002= 27

 

5.         Torneo ESORDIENTI FAIR PLAY   girone A - Stagione Sportiva 2001 - 2002

 

 

            1          AOSTA CALCIO 2000

            2          AOSTA/SARRE

3                    AYMAVILLES/GRESSAN A)

4                    CHARVENSOD

            5          COGNE AOSTA GIORGIO ELTER

            6          COURMAYEUR

 7          COMUNITA’ MONTANA GRAND PARADIS

 8          SAINT CHRISTOPHE A)

 

IL TORNEO ESORDIENTI FAIR PLAY inizierà in data 22.09.2001

 

6.         Torneo ESORDIENTI FAIR PLAY   girone B - Stagione Sportiva 2001 - 2002

 

 

            1          CHAMPDEPRAZ/MONTJOVET

            2          AYMAVILLES/GRESSAN B)

3                    PONT DONNAZ

4                    SAINT CHRISTOPHE  B)

5                    VALLE D’ AOSTA

6                    VERRES

7                    NONUS LAPIS

 

IL TORNEO ESORDIENTI FAIR PLAY inizierà in data 22.09.2001

 

 

    ===================================================================

 

              Il Segretario                                                                                       Il Presidente  

           Carla Mansoldo                                                                         Dr. Francesco Ciancamerla

 

 

 

 

 

Pubblicato ad Aosta  il 06/09/2001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                   2001/2002= 28

 

ALLEGATO AL COMUNICATO UFFICIALE N°2 DEL 05.09.2001

 

CALENDARIO CAMPIONATO  SECONDA CATEGORIA – GIRONE “ F “

 

1^ giornata - 16/09/2001                                        8^ giornata - 04/11/2001

 

BUROLO IVREA 89

-

FOGLIZZESE

 

AGLIE’

-

VILLENEUVE

COGNE AO G. ELTER

-

QUART

 

BUROLO IVREA 89

-

ROISAN

COLLERETTO GIACOSA

-

AGLIE’

 

CHAMBAVE

-

SAN GRATO EPOREDIA

LA VISCHESE

-

VILLENEUVE

 

COGNE AO G. ELTER

-

PONT DONNAZ

PONT DONNAZ

-

VALLE DEL LYS

 

COLLERETTO GIACOSA

-

VALLE DEL LYS

ROISAN

-

CHAMAVE

 

QUART

-

FOGLIZZESE

SETTIMO VITTONE

-

SAN GRATO EPOREDIA

 

SETTIMO VITTONE

-

LA VISCHESE

 

2^ giornata - 23/09/2001                                        9^ giornata - 11/11/2001

 

AGLIE’

-

BUROLO IVREA 89

 

CHAMBAVE

-

AGLIE’

CHAMBAVE

-

PONT DONNAZ

 

FOGLIZZESE

-

COLLERETTO GIACOSA

COLLERETTO GIACOSA

-

COGNE AO G. ELTER

 

LA VISCHESE

-

BUROLO IVREA 89

FOGLIZZESE

-

VALLE DEL LYS

 

PONT DONNAZ

-

ROISAN

QUART

-

SETTIMO VITTONE

 

SAN GRATO EPOREDIA

-

QUART

SAN GRATO EPOREDIA

-

LA VISCHESE

 

VALLE DEL LYS

-

COGNE AO G. ELTER

VILLENEUVE

-

ROISAN

 

VILLENEUVE

-

SETTIMO VITTONE

 

3^ giornata - 30/09/2001                                        10^ giornata - 28/11/2001

 

BUROLO IVREA 89

-

SAN GRATO EPOREDIA

 

AGLIE’

-

SAN GRATO EPOREDIA

COGNE AO G. ELTER

-

AGLIE’

 

BUROLO IVREA 89

-

PONT DONNAZ

LA VISCHESE

-

CHAMBAVE

 

COGNE AO G. ELTER

-

FOGLIZZESE

PONT DONNAZ

-

FOGLIZZESE

 

COLLERETTO GIACOSA

-

VILLENEUVE

ROISAN

-

QUART

 

QUART

-

CHAMBAVE

SETTIMO VITTONE

-

COLLERETTO GIACOSA

 

ROISAN

-

LA VISCHESE

VALLE DEL LYS

-

VILLENEUVE

 

SETTIMO VITTONE

-

VALLE DEL LYS

 

4^ giornata - 07/10/2001                                        11^ giornata - 25/11/2001

 

AGLIE’

-

ROISAN

 

AGLIE’

-

QUART

CHAMBAVE

-

VALLE DEL LYS

 

CHAMBAVE

-

COLLERETTO GIACOSA

COGNE AO G. ELTER

-

SETTIMO VITTONE

 

FOGLIZZESE

-

SETTIMO VITTONE

COLLERETTO GIACOSA

-

BUROLO IVREA 89

 

LA VISCHESE

-

PONT DONNAZ

FOGLIZZESE

-

VILLENEUVE

 

SAN GRATO EPOREDIA

-

COGNE AO G. ELTER

QUART

-

LA VISCHESE

 

VALLE DEL LYS

-

ROISAN

SAN GRATO EPOREDIA

-

PONT DONNAZ

 

VILLENEUVE

-

BUROLO IVREA 89

 

5^ giornata - 14/10/2001                                        12^ giornata - 02/12/2001

 

BUROLO IVREA 89

-

COGNE AO G. ELTER

 

BUROLO IVREA 89

-

VALLE DEL LYS

FOGLIZZESE

-

CHAMBAVE

 

COGNE AO G. ELTER

-

CHAMBAVE

LA VISCHESE

-

COLLERETTO GIACOSA

 

COLLERETTO GIACOSA

-

QUART

PONT DONNAZ

-

QUART

 

LA VISCHESE

-

FOGLIZZESE

ROISAN

-

SETTIMO VITTONE

 

PONT DONNAZ

-

VILLENEUVE

VALLE DEL LYS

-

AGLIE’

 

ROISAN

-

SAN GRATO EPOREDIA

VILLENEUVE

-

SAN GRATO EPOREDIA

 

SETTIMO VITTONE

-

AGLIE’

 

 

 

 

 

                                                                                                                                   2001/2002= 29

 

 

6^ giornata - 21/10/2001                                        13^ giornata - 09/12/2001 

 

AGLIE’

-

LA VISCHESE

 

AGLIE’

-

PONT DONNAZ

CHAMBAVE

-

VILLENEUVE

 

CHAMBAVE

-

SETTIMO VITTONE

COGNE AO G. ELTER

-

ROISAN

 

FOGLIZZESE

-

ROISAN

COLLERETTO GIACOSA

-

PONT DONNAZ

 

QUART

-

BUROLO IVREA 89

QUART

-

VALLE DEL LYS

 

SQAN GRATO EPOREDIA

-

COLLERETTO GIACOSA

SAN GRATO EPOREDIA

-

FOGLIZZESE

 

VALLE DEL LYS

-

LA VISCHESE

SETTIMO VITTONE

-

BUROLO IVREA 89

 

VILLENEUVE

-

COGNE AO G. ELTER

 

7^ giornata -28/10/2001     

                                  

BUROLO IVREA 89

-

CHAMBAVE

FOGLIZZESE

-

AGLIE’

LA VISCHESE

-

COGNE AO G. ELTER

PONT DONNAZ

-

SETTIMO VITTONE

ROISAN

-

COLLERETTO GIACOSA

VALLE DEL LYS

-

SAN GRATO EPOREDIA

VILLENEUVE

-

QUART

 

 

CAMPI DA GIUOCO

 

AGLIE’

gioca campo sportivo

Agliè – Via Meleto

BUROLO IVREA 89

gioca campo sportivo

Palazzo – Via Carlo Alberto, 1

CHAMBAVE

gioca campo sportivo

Saint Marcel

COGNE AOSTA GIIORGIO ELTER

gioca campo sportivo

Aosta – Stadio  Puchoz

COLLERETTO GIACOSA

gioca campo sportivo

Loranzè – Via Francesetti

FOGLIZZESE

gioca campo sportivo

Foglizzo – Via Olivero

LA VISCHESE

gioca campo sportivo

Vische – Via Crescentino

PONT DONNAZ

gioca campo sportivo

Borgofranco – Regione Ghiare

QUART

gioca campo sportivo

Saint Christophe – Località Prevot, 20

ROISAN

gioca campo sportivo

Aosta – Frand Genisot

SAN GRATO EPOREDIA

gioca campo sportivo

Ivrea – Via About

SETTIMO VITTONE

gioca campo sportivo

Settimo Vittone – Via Montestrutto

VALLE DEL LYS

gioca campo sportivo

Issime – Località PLane

VILLENEUVE

gioca campo sportivo

Villeneuve – Località Glair

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato ad Aosta  il 06/09/2001

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                   2001/2002= 30

 

 

 

ALLEGATO AL COMUNICATO UFFICIALE N° 2 DEL 05.09.2001

 

 

LEGA NAZIONALE DILETTANTI

 

 

 

GARE IN CALENDARIO PER DOMENICA 16 SETTEMBRE 2001

 

 

 

CAMPIONATO 2° CATEGORIA – GIRONE “ F “

 

 

BUROLO IVREA 89

=

FOGLIZZESE

a