12100 CUNEO – C.so IV Novembre,6 – Tel.: 0171690869– Fax: 0171634980
E-mail: [email protected]

                   

      

Stagione Sportiva 2003/2004

Comunicato Ufficiale N° 03 del 29/07/2003

 


1) COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C.

 

 

2) COMUNICAZIONI DELLA L.N.D.

 

 

3) COMUNICAZIONI DEL COMITATO REGIONALE L.N.D.

3.1 - Ammissione al Campionato di Seconda categoria 2003/2004 di Società non aventi titolo - Istanze suppletive

 

Il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale, nella riunione del 26 Luglio 2003,

 

- rilevato che è ipotizzabile che le carenze organiche che si manifesteranno nel Campionato di Seconda categoria 2003/2004 per effetto di ripescaggi alla categoria superiore e di rinunce al Campionato di competenza potrebbero rilevarsi in numero superiore rispetto al numero delle Società inserite nella specifica graduatoria pubblicata sul comunicato ufficiale n. 3 del 11 Luglio 2003 al punto 2.1.1.  e che al momento godono del diritto di poter ottenere l’ammissione al Campionato di Seconda categoria 2003/2004;

 

- che in conseguenza a tale situazione, al fine di garantire la corretta composizione dell’organico di Seconda categoria determinato in numero 224 Società,

 

ha deliberato

 

- di riaprire nuovamente i termini per la presentazione delle istanze di ammissione al Campionato di Seconda categoria 2003/2004 di Società non aventi titolo modificando in parte lo specifico bando di ammissione specificatamente nella parte relativa alle preclusioni, così come integralmente riportato:

 

DOMANDE SUPPLETIVE DI AMMISSIONE AL CAMPIONATO DI SECONDA CATEGORIA 2003/2004

 

Le domande suppletive di ammissione al Campionato di Seconda categoria 2003/2004 devono essere firmate dal Presidente della Società, depositate presso il Comitato Regionale Piemonte Valle d’Aosta F.I.G.C. - L.N.D  Via A. Volta n. 3 - Torino - entro e non oltre le ore 12 di Mercoledì 30 Luglio 2003 e corredate della seguente documentazione, utilizzando lo stampato allegato al presente comunicato ufficiale:

 

 

Versamento di un deposito cauzionale pari a Euro: 1.549,37            

per l’ammissione al Campionato di Seconda categoria da integrare in caso di ammissione alla categoria superiore o da utilizzare per l’iscrizione al Campionato di competenza.

 

Dichiarazione attestante la disponibilità di un campo di giuoco idoneo alla categoria ed omologato in data antecedente alla domanda;

 

-    Anzianità di affiliazione:

 

Punti 2 per ogni anno di affiliazione fino ad un massimo di Punti 40.

 

Partecipazione alle Assemblee del Comitato Regionale in data 16 Dicembre 2001 ed in data 14 Dicembre 2002:

 

Punti 20 per ogni partecipazione

Punti 0 per ogni assenza

 

Posizione di classifica nell’ultima stagione sportiva:

 

perdente fase play-off                     Punti 30

classificata al 2° posto                    Punti 12

classificata al 3° posto                    Punti 8

classificata al 4° posto                    Punti 6

classificata al 5° posto                    Punti 4

classificata al 6° posto                    Punti 2

 

Iscrizione e partecipazione di propri tesserati a Corsi dirigenti o Seminari di aggiornamento organizzati dal Comitato Regionale Piemonte Valle d’Aosta L.N.D. dal 1996 in poi:

 

per dirigenti iscritti dalla Società e che abbiano                        Punti 20

conseguito l’Attestato di partecipazione

 

 

In caso di ex-aequo nel punteggio finale sarà privilegiata la Società di più antica affiliazione.

 

Non potranno essere valutate le domande di Società: sanzionate per illecito sportivo  nel corso dell’ultimo quadriennio.

 

Si rammenta che le decisioni inerenti al completamento dell’organico saranno a totale discrezione del Consiglio Direttivo del Comitato Regionale e non potranno essere impugnate in alcuna sede e ciò ai sensi dell’art.25 del Regolamento della Lega Nazionale Dilettanti.

 

 

4) COMUNICAZIONE DELSETTOREGIOVANILE

E SCOLASTICO REGIONALE

 

4.1 - Oggetto: Tornei internazionali e Nazionali organizzati dalle Società

 

                                              

            Con la presente si trasmettono le norme, disposizioni e chiarimenti, per la corretta organizzazione e relativa stesura dei regolamenti dei Tornei Giovanili Internazionali e Nazionali, valide per la stagione sportiva 2003/2004.

 

            Si prega di prendere scrupolosa visione della circolare allegata con particolare attenzione all’attività Pulcini.

 

 

Cordiali saluti.

 

 

 

                                                                                                                      Il Presidente

                                                                                                                Antonio Papponetti

 

 

 

 

Tornei internazionali e nazionali organizzati da Società

 

Norme,  disposizioni  e chiarimenti per la  corretta  organizzazione

dei  tornei  e relativa stesura dei regolamenti

 

1.      Organizzazione dei Tornei

 

L’organizzazione di un torneo è esclusivamente riservata ad una o più Società regolarmente affiliate alla F.I.G.C. o a Comitati Regionali, Provinciali o Locali della citata Federazione.

La o le Società  e i Comitati possono avvalersi della collaborazione o del patrocinio di Enti pubblici e morali: Regioni, Province, Comuni, Circoscrizioni, Istituti Bancari, Pro Loco, Aziende Turistiche, strutture periferiche di altre Federazioni Sportive, Enti di Promozione Sportiva, Associazioni Culturali, Religiose, di volontariato ecc…

Le Società, i Comitati organizzatori ed eventuali Enti collaboratori o patrocinatori debbono essere chiaramente indicati sui regolamenti, così come la denominazione del Torneo.

Vanno altresì evidenziate:

 

4    la data e la sede di effettuazione del torneo

4    la data di scadenza per le adesioni al torneo

4    la sede della Società o del Comitato organizzatore

4    i numeri di telefono e fax e il nominativo del dirigente a cui fare riferimento

 

Territorialità

 

Le Società che intendono organizzare tornei al di fuori del proprio territorio regionale devono farne preventiva richiesta al Comitato  della Regione dove si svolge il torneo e devono attenersi scrupolosamente alle regole emanate dal Settore Giovanile e Scolastico sopra riportate e rafforzate.

I Comitati Regionali, Provinciali o Locali  devono, per mezzo dei propri responsabili tecnici, controllare e visionare l’andamento del torneo affinché tutto si svolga nel rispetto delle regole della tutela dei ragazzi.

 

2.      Categorie giovanili aventi titolo di partecipazione ai tornei organizzati da società

 

ALLIEVI

nati dal 01/01/87 e che abbiano comunque  compiuto il 14° anno di età

 

GIOVANISSIMI

nati dal 01/01/89 e che abbiano comunque  compiuto il 12° anno di età

 

ESORDIENTI

nati dal 01/01/91 e che abbiano comunque  compiuto il 10° anno di età

 

PULCINI 1993

nati dal 01/01/93 al 31/12/1993 (in questa categoria possono giocare solo ed esclusivamente i giocatori nati nell’anno 1993)

 

PULCINI

nati dal 01/01/93 e che abbiano comunque compiuto anagraficamente l’8° anno di età.

 

Sono altresì consentiti  tornei per le seguenti categorie intermedie:

 

 

ALLIEVI “B”

nati dal 01/01/88 e che abbiano comunque compiuto il quattordicesimo anno di età

 

GIOVANISSIMI ”B”

nati dal 01/01/90 e che abbiano comunque compiuto il dodicesimo anno di età

 

ESORDIENTI ”B”

nati dal 01/01/92 al 31/12/90

 

PULCINI  “B”

nati dal 01/01/94 e che abbiano comunque compiuto l’ottavo anno di età

 

PULCINI "1995"

nati dal 01/01/95 e che abbiano comunque compiuto l’ottavo anno di età

 

 

A fianco della o delle categorie prescelte dovrà essere riportata l’età dei calciatori così come sopra indicata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


3.      Prestiti

 

Sono consentiti prestiti per un numero massimo di 3 (tre) calciatori, non intercambiabili e validi per l’intera durata del Torneo e solo in tornei delle categorie ALLIEVI e GIOVANISSIMI.

Tali prestiti possono essere convenuti solo con Società non partecipanti al torneo.

Ogni calciatore avuto in prestito deve essere munito di nulla-osta rilasciato dalla Società di appartenenza che dovrà essere depositato presso la Società organizzatrice, prima dell’inizio del torneo.

Alle Società è assolutamente vietato rilasciare Nulla Osta ai propri tesserati categoria ESORDIENTI per poter partecipare in prestito ad altre Società a Tornei della categoria GIOVANISSIMI anche se questi hanno compiuto anagraficamente il 12° anno di età in quanto, l’art. 23.1 lett. B del Regolamento del Settore per l'Attività Giovanile e Scolastica  cita testualmente: “I calciatori, già tesserati per la categoria ESORDIENTI, possono, al compimento anagrafico del 12° anno di età, partecipare anche a gare della categoria GIOVANISSIMI,  per la stessa Società “.

 

 

Non sono consentiti prestiti nei tornei delle categorie ESORDIENTI e PULCINI

 

 

 

4.      Fuori quota

 

In nessun torneo è autorizzata la partecipazione di calciatori fuori quota.

 

 

5.      Elenchi Calciatori Partecipanti al Torneo

 

Gli organizzatori sono tenuti a precisare nei regolamenti il numero massimo di calciatori che ogni squadra iscritta al torneo può utilizzare.

Gli elenchi dei suddetti calciatori debbono essere consegnati agli organizzatori prima dell’inizio della manifestazione. Dopo l’avvenuta consegna non è consentito apportare modifiche o aggiunte su detti elenchi.

 

 

6.      Sostituzioni

 

 

 

 

 


Alcune Società sono solite stabilire nei regolamenti un numero inferiore di sostituzioni, rispetto a quelle consentite dalle disposizioni federali.

Decisioni del genere sono da ritenere inopportune, pertanto il Settore non concede variazioni alle previste sette (7) sostituzioni per le categorie Allievi e Giovanissimi.

 

 

 

 


Tutti gli elementi in distinta dovranno giocare almeno un tempo dei primi due. Al termine del 1° tempo, perciò, dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni ed i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine del secondo tempo, tranne che per validi motivi di salute; nel terzo tempo, quindi, potranno essere effettuate sostituzioni, con il sistema dei “cambi liberi volanti”.

 

Tali disposizioni dovranno essere rigorosamente rispettate.

 

 

7.      Norme particolari categoria PULCINI 1993

 

Nei tornei riservati a squadre Pulcini 1993 è d’obbligo precisare nei regolamenti che le partite si giocano a “9 calciatori”, su campi  la cui lunghezza è compresa tra le due aree di rigore, mentre la larghezza è determinata prolungando possibilmente 5 metri a destra ed a sinistra la linea dell’area di rigore: le porte di mt. 4x2 (o 5x2 o 6x2) dovranno essere posizionate sulla linea dell’area di rigore, i palloni devono essere n°4; in questa categoria possono giocare solo ed esclusivamente giocatori nati nell’anno 1993.

 

 

8.      Norme particolari categoria PULCINI

 

Nei tornei riservati a squadre Pulcini è d’obbligo precisare nei regolamenti che le partite si giocano a “7 contro 7”, su campi di dimensioni ridotte da identificarsi  di massima con una metà del campo regolamentare in senso trasversale; va comunque garantita la distanza di  sicurezza (metri 1,50) da qualsiasi ostacolo (come ad es. i pali

delle porte). Le porte devono avere la misura di m. 4x2; i palloni devono essere n°4; in questa categoria possono giocare giocatori nati dal 01/01/93 e che  abbiano comunque  compiuto l’ottavo anno di età.

 

 

9.      Norme  particolari categoria PULCINI “B”

 

Nei tornei riservati a squadre Pulcini “B” è d’obbligo precisare nei regolamenti che le partite si giocano a “7 calciatori”, su campi di dimensioni ridotte da identificarsi  di massima con una metà del campo regolamentare in senso trasversale; va comunque garantita la distanza di  sicurezza (metri 1,50) da qualsiasi ostacolo (come ad es. i pali

delle porte). Le porte devono avere la misura di m. 4x2; i palloni devono essere n°4; in questa categoria possono giocare giocatori nati dal 01/01/94 e che abbiano comunque  compiuto l’ottavo anno di età.

 

 

10. Norme particolari categoria PULCINI anno 1995

 

Nei tornei riservati a squadre Pulcini nati nel 1995 è d’obbligo precisare nei regolamenti che le partite si giocano  “5 contro 5”, su campi che dovranno configurarsi  in campi ridotti (45x25 m. per es. 1/4 di campo),  porte ridotte (3x2  o  4x2) i palloni devono essere n°4; in questa categoria possono giocare giocatori nati dal 01/01/95 e che abbiano comunque compiuto l’ottavo anno di età.

 

 

11. Formula del torneo

 

Si raccomanda la massima chiarezza nel definire la formula del torneo e le modalità di qualificazione, in modo da evitare l’insorgere di qualsiasi dubbio interpretativo.

Per quanto riguarda la Categoria Pulcini, al fine di rendere il confronto Tecnico un momento formativo realizzato in un clima psicologico, sereno e privo di tensioni esasperate in relazione a quanto già  espresso sul C.U. N. 1 stagione sportiva 2003/2004, che ribadisce che dagli 8 ai 10 anni l’attività ha carattere eminentemente ludico e promozionale,  il Settore Giovanile e Scolastico  definisce nuovi criteri da adottare per la regolamentazione dei Tornei organizzati dalle  Società: sono stati vietati sia i calci di rigore quanto, i tempi supplementari è quindi evidente che dovranno essere escluse anche le partite ad eliminazione diretta (es. ottavi di finale e quarti di finale,  semifinale e finali).

 

 

12. Tempi di gara

 

La durata dei tempi di gara deve essere in linea con quanto previsto dal regolamento del Settore Giovanile e Scolastico per ogni singola categoria e cioè:

 

 

Allievi

40’ due tempi

Giovanissimi

30’ due tempi

Esordienti

18’ tre tempi

Esordienti  B

18’ tre tempi

Pulcini  1993

18’ tre tempi

Pulcini

15’ tre tempi

 

 

Qualora il calendario preveda uno svolgimento rapido del torneo (più gare nello stesso giorno  per la medesima squadra) la durata dei tempi di gara dovrà essere ridotta in modo da non superare eccessivamente il tempo di durata previsto per una gara.

 

Deroga particolare per riduzione tempi di gioco da tre a due categoria Esordienti e Pulcini

 

Il Settore Giovanile e Scolastico, a norma di quanto previsto al punto 13  lett. h (disposizioni integrative) del C.U. N° 1 2003/2004: “tornei che creino difficoltà alla frequenza scolastica dei giovani calciatori”, per conciliare al meglio i molteplici impegni con un adeguato periodo di riposo, concede,  su richiesta motivata e documentata della Società  organizzatrice in occasione dei Tornei primaverili che avranno il loro svolgimento in ore serali e notturne, la facoltà di ridurre i tempi di gioco;

 

per la categoria PULCINI 2  tempi della durata di 20 minuti ciascuno

per la categoria ESORDIENTI 2 tempi della durata di 25 minuti ciascuno

 

resta confermato che tutti i giocatori in lista dovranno giocare almeno 1 tempo di gioco e pertanto al termine del primo tempo  dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni ed i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine della gara se non per gravi motivi di salute.

 

13. Tempi supplementari

 

La disputa dei tempi supplementari, in caso di parità dopo i tempi regolamentari, è ammessa solo per la finale per il 1° e 2° posto:

 

ALLIEVI e GIOVANISSIMI                    due tempi di 10 minuti ciascuno

ESORDIENTI e PULCINI                      due tempi di   5 minuti ciascuno

 

PULCINI: sono assolutamente vietati i tempi supplementari

 

 

14. Calci di rigore

 

E’ del tutto inutile esplicitare, nel regolamento, un’ampia descrizione delle modalità di esecuzione dei calci di rigore; è sufficiente riportare nel regolamento: “nel rispetto delle vigenti norme, con le modalità stabilite dalla regola 7 delle regole di gioco e delle decisioni ufficiali”.

       Nella categoria Pulcini sono assolutamente vietati i calci di rigore

 

15. Classifiche

 

Le classifiche, per gironi all’italiana, saranno redatte in base ai seguenti punteggi:

-          tre punti per la vittoria

-          un punto per il pareggio

-          zero punti in caso di sconfitta.

Verificandosi parità di punteggio fra due o più squadre, la graduatoria finale sarà stilata con i seguenti criteri così come in ordine elencati:

 

a)  esito degli incontri diretti

b)  differenza reti sul totale degli incontri disputati

c)   maggior numero di reti sul totale degli incontri disputati

d)     sorteggio

 

 

Per le categorie Esordienti e Pulcini si invitano le Società organizzatrici ad adottare anche nei tornei le classifiche “Fair Play” utilizzate nell’attività ufficiale dei Comitati.

 

 

16. Arbitraggio delle gare  categorie  ESORDIENTI e PULCINI

 

Cat. ESORDIENTI: è necessario indicare se le gare saranno dirette da arbitri federali oppure da tecnici o dirigenti appositamente istruiti al riguardo messi a disposizione dalla Società organizzatrice.

 

Cat. PULCINI: le gare saranno arbitrate tassativamente da tecnici o dirigenti istruiti al riguardo messi a disposizione dalla Società organizzatrice.

 

In ogni caso i rapporti gara con allegate le distinte giocatori saranno trasmesse al Comitato di competenza nei termini previste per la necessaria visione del Giudice Sportivo.

 

 

17. Disciplina del Torneo

 

La disciplina del torneo deve essere affidata solo ed esclusivamente al Giudice Sportivo, titolare o supplente, del Comitato di competenza.

Il S.G.S., dato il rapido svolgimento dei tornei, ritiene giusta la riduzione del cumulo delle  ammonizioni  rispetto  a  quello  previsto  dalle  vigenti  norme federali,  pertanto nel

regolamento va riportato con precisione l’automatismo delle sanzioni: a) in caso di espulsione squalifica automatica per una gara salvo maggiori sanzioni inflitte dal giudice sportivo; b) alla seconda ammonizione nel corso del torneo squalifica automatica per una gara.

 

Categoria ESORDIENTI e PULCINI

 

       L'art. 41, comma 2,  del Codice di Giustizia Sportiva, non prevede l'automatismo delle sanzioni per i calciatori espulsi nelle categorie PULCINI ed ESORDIENTI. I suddetti calciatori pertanto devono soggiacere a declaratorie del Giudice Sportivo del Torneo.

 

18. Reclami

 

Per quanto riguarda la tassa reclamo, gli organizzatori sono liberi di fissarne l’entità a loro piacimento purché non superi i limiti federali stabiliti per i  ricorsi,  che  nella  corrente

stagione sono di Euro 51,00.

 

E’ anche consentito la non previsione della tassa reclamo purché sia chiaramente riportato nel regolamento del torneo.

Gli organizzatori possono anche rinunciare all’istituto del reclamo.

 

 

In tutti i tornei ESORDIENTI e PULCINI, Nazionali ed Internazionali, i Responsabili Regionali per l’attività di base sono  tenuti ad esprimere il personale preventivo parere sulla correttezza dei regolamenti.

 

 

 

 

AI COMITATI REGIONALI, PROVINCIALI E LOCALI E’ DEMANDATO IL COMPITO DI EFFETTUARE CONTROLLI PER ACCERTARE CHE LE NORME CONTENUTE NEI REGOLAMENTI DEI TORNEI APPROVATI VENGANO RISPETTATE

 

 

 

 

 

                                                                                                                      Il Presidente

                                                                                                                Antonio Papponetti

 

 

 

 

 

 

 

NORME PER L’ORGANIZZAZIONE DI TORNEI INTERNAZIONALI

 

 

 

 

Nella stagione sportiva 2003/2004, le Società che chiedano di organizzare  Tornei Internazionali dovranno , improrogabilmente, attenersi alle norme sottoelencate:

 

1.      Invio al Settore Giovanile e Scolastico la richiesta di autorizzazione da parte del Comitato Regionale di competenza per  territorio 60 gg. prima dell’inizio del Torneo;

 

2.      Allegare alla richiesta le liste dei calciatori, calciatrici delle Società straniere che intendono partecipare al Torneo con in calce il  timbro della Federazione di appartenenza;

 

3.      La lista  dei partecipanti  stranieri (giocatori più dirigenti)  non può superare i 28 nominativi;

 

4.      La lista dei partecipanti non potrà prevedere, dopo la richiesta e concessione del visto,  dei cambiamenti di nominativo se non dimostrando l’annullamento del visto concesso precedentemente per il calciatore o dirigente che deve esser sostituito;

 

5.      Per Tornei che prevedono la partecipazione di giovani calciatori fino a 12 anni,  non sarà concesso il visto per attività sportiva, ma andrà richiesto il visto turistico

 

6.      in mancanza di rispetto anche di una sola delle norme elencate, il Torneo non sarà autorizzato

 

 

Resta ovviamente invariata la procedura instaurata da questo Settore in accordo con il “Comitato per la tutela dei minori stranieri”, per cui sarà indispensabile, all’atto della richiesta di organizzazione di un Torneo Internazionale, indicare il luogo (Hotel, famiglia, altro) presso il quale alloggeranno le squadre invitate e il nominativo completo di recapito telefonico del Responsabile del Torneo.

 

 

 

 

Le ammende di cui al presente Comunicato devono essere versate direttamente al Comitato Regionale competente entro il 15° giorno successivo alla data di pubblicazione.

 

                   IL SEGRETARIO                                                       IL PRESIDENTE                            Sergio Robresco                                                           Pier Luigi Bagnasco                               

 

Pubblicato in Cuneo in data 29/07/03


     Riservato al C.R. Piemonte – Valle d’Aosta

 

 

 

 

 

 

Spett.le

                                                                                              F.I.G.C. – L.N.D.

                                                                                              COMITATO REGIONALE

Da depositare entro e non                                                 PIEMONTE – VALLE D’AOSTA

oltre il 30 Luglio 2003                                                         Via A. Volta, 3

                                                                                              10121 Torino

 

 

 

 

 

 

 

 

DOMANDA SUPPLETIVA DI AMMISSIONE AL

CAMPIONATO DI SECONDA CATEGORIA DI

SOCIETÀ NON AVENTE DIRITTO

 

 

 

 

STAGIONE SPORTIVA 2003/2004

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(apporre il timbro sociale)

 

 
 

 

 

 


DOMANDA DI AMMISSIONE AL CAMPIONATO DI SECONDA CATEGORIA 2003/2004

 

 

Il sottoscritto __________________________________________________ nella qualità di legale  rappresentante della Società _______________________________ ,

 

CHIEDE

 

l’ammissione della Società rappresentata al campionato sopra indicato e

 

 

DICHIARA

 

1. di trasmettere a mezzo di assegno circolare, non trasferibile, emesso in data _________ , dalla Banca __________________________________________________

 

intestato a:      F.I.G.C. – L.N.D. –   COM. REG.  PIEMONTE  VALLE D’AOSTA

 

la somma di Euro 1549, 37 quale deposito cauzionale;

 

 

2. di essere in possesso della disponibilità del campo di giuoco di ___________________

 

__________________________, regolamentare per la categoria, come da allegata dichiarazione  dell’Ente proprietario;

 

3. di non essere stata giudicata e sanzionata per illecito sportivo nell’ultimo quadriennio.

 

 

 

 

……………………………………                  …………………………………………..…

data                                                                firma del legale rappresentante

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DA COMPILARE SOLTANTO PER L’AMMISSIONE AL CAMPIONATO DI SECONDA CATEGORIA

 

 

D A T I    S T A T I S T I C I

 

 

1)     POSIZIONE CLASSIFICA IN CAMPIONATO

 

 

Stag. Sport.

Campionato

Gir.

Posizione in classifica

 

RISERVATO

al COMITATO

 

2002/2003

 

 

 

 

           TOTALE

 

 

 

- Perdente Play-Off              SI q    NO q

 

 

2)     ANZIANITÀ DI AFFILIAZIONE

 

 

 

 

 

 

RISERVATO

al COMITATO

 

Anno di affiliazione alla F.I.G.C.

 

 

TOTALE

 

 

 

3)     PARTECIPAZIONE ALLE ASSEMBLEE REGIONALI

 

 

Assemblea

SI

NO

 

 

RISERVATO

al COMITATO

16.12.2001

 

 

 

 

 

14.12.2002

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TOTALE

 

 

4)     ISCRIZIONE E PARTECIPAZIONE DI PROPRI TESSERATI A CORSI DIRIGENTI O SEMINARI DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATI DAL COMITATO REGIONALE PIEMONTE VALLE D’AOSTA L.N.D DAL 1996 IN POI:

 

 

 

RISERVATO

al COMITATO

SI q

 

 

NO q 

 

 

 

 

TOTALE