link utili i comunicati della FIGC i risultati in tempo reale

continua >>

Gli incaricati rilasciano l'impegno a trasmettere in via telematica all'Agenzia delle entrate i dati contenuti nelle dichiarazioni e, entro 30 giorni dal termine per la presentazione, la dichiarazione redatta sull'apposito modello con copia della comunicazione di ricezione della dichiarazione da parte dell'Agenzia delle entrate.
La dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è consegnata alla banca o all'ufficio posale ovvero è trasmessa in via telematica all'Agenzia delle entrate.
La prova della presentazione della dichiarazione è data dalla comunicazione da parte dell'Agenzia delle entrate dell'avvenuto ricevimento ovvero dalla ricevuta rilasciata dalla banca o dall'ufficio postale.

Art.4
Dichiarazioni dei sostituti d'imposta -(soltanto in via telematica)
I sostituti d'imposta che effettuano ritenute d'acconto su redditi di lavoro dipendente e assimilato, su redditi di lavoro autonomo, su provvigioni trasmettono in via telematica entro il 30 giugno all'Agenzia delle entrate i dati contenuti nelle certificazioni rilasciate ai sensi dell'art.7-bis del DPR n:600/73 (CUD, ecc.), mentre il modello 770 deve essere inviato entro 31 ottobre.

Le certificazioni vanno consegnate ai percipienti non più entro il 28 febbraio bensì entro il 31 marzo (art.18 del decreto).
La certificazione può essere compilata sia in lire che in euro e se si opta per quella in euro deve essere barrata l'apposita casella con l'esposizione dei dati in centesimi.
Nel nuovo modello Cud, pubblicato nel S.O. n.263 alla G.U. n.288 del 12 dicembre, vanno riportati anche i compensi per rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, assimilati, a far tempo dal 1° gennaio 2001, ai redditi di lavoro dipendente

A tale riguardo, si fa presente che con Circolare n.105/E del 12 dicembre 2001, l'Agenzia delle entrate ha chiarito che "i compensi derivanti dall'attività di collaborazione coordinata e continuativa, se rientrano nell'oggetto tipico dell'attività di lavoro autonomo esercitata dal contribuente, non sono qualificati fiscalmente quali redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ma sono assoggettati alle disposizioni fiscali dettate per i redditi di natura professionale".

continua >>